Le parole famose

Marina Abramovic

L’arte, la performance, deve essere consapevole del pubblico e uno dei modi per farlo è quello di dargli del tempo. L’arte poi non può essere monocorde, deve avere tante sfaccettature, deve disturbare, lenire, essere sociale e politica. Tutti questi elementi sono nel mio lavoro. Se lo scopo è solo quello di ‘curare’ diventa una scemenza New Age, è questa non è affatto la direzione del mio lavoro, che è quella di essere creativo e dare luminosità e ossigeno al pubblico.

Leggi l’intervista

Marina Abramovic
Artista

Francesco Fabris

Il mio consiglio, dunque, è quello di continuare su questa strada, perseverando nel considerare la maggiore regolamentazione dei rapporti come un’occasione di crescita e sviluppo del movimento, soprattutto in Italia.

Leggi l’intervista

Francesco Fabris
Art Player

Mustafa Sabbagh

Vivo l’arte in una doppia dimensione: come atto e come messaggio. Ho bisogno di credere nell’arte tanto quanto non credo affatto nei confini.

Photo credit Elisabetta Claudio.

Leggi l’intervista

Mustafa Sabbagh
Artista

Luca Maria Patella

aro, sa?! E semino, e .. se mino! .. eh, se mino ..

Leggi l’intervista

Luca Maria Patella
Artista

Nicola Maggi

Io non voglio influenzare nessuno, mi piace dare dei consigli, condividere il mio punto di vista o aiutare gli altri a tirar fuori il proprio, questo sì. E non disdegno il confronto diretto.
Ognuno di noi possiede un pezzetto di “verità” e più ne mettiamo insieme più ci avviciniamo alla “Verità” con la “V” maiuscola. Ma nessuno la possiede per intero.
Mi piace pensare che “Collezione da Tiffany” sia una parte, magari importante, di questo processo che potenzialmente può far crescere lo spirito critico collettivo.

Leggi l’intervista

Nicola Maggi
Art Player

Paolo Scirpa

Lo spazio come dimensione soggettiva nasce dalla possibilità di interazione, attraverso il corpo, con gli oggetti a noi circostanti. Parliamo di una destra e di una sinistra, di un sopra e di un sotto o, ancora, di un vicino e di un lontano, proprio per la nostra capacità soggettiva di raggiungere i vari punti dello spazio. È l’individuo che determina ogni possibile visione prospettica.

Leggi l’intervista

Paolo Scirpa
Artista