Le parole famose

Gillo Dorfles

Alla domanda del bello non si risponde mai, non si sa che cosa sia il bello.

Leggi l’intervista

Gillo Dorfles
Critico, giornalista, artista

Loris Cecchini

Loris Cecchini

Storicamente natura e tecnologia si stratificano, dando poi luogo a un paesaggio complessivo. Accanto al dato naturale esiste il nostro approccio culturale che è tradotto in tecnologia, ed è il sapere di un momento storico.

Leggi l’intervista

Loris Cecchini
Artista

Giorgio de Finis

Giorgio de Finis

Il mio sogno nel cassetto è che Metropoliz possa essere un giorno libero dalla paura e tornare ad essere a tutti gli effetti (anche giuridicamente) un pezzo della nostra Roma, che avrebbe guadagnato così la sua città meticcia e il primo museo abitato del pianeta Terra.

Leggi l’intervista

Giorgio de Finis
Direttore del Museo MAAM e del Museo MACRO di Roma

Chiara Dynys

Chiara Dynys

Il  mio linguaggio si evolve in modo fluido: viverlo e capirlo è come entrare nell’acqua. È un lavoro mobile, in costante definizione. Le singole opere non rincorrono uno stile, ma abitano tutte un’unica dimensione linguistica e concettuale.

Leggi l’intervista

Chiara Dynys
Artista

Roberto Pugliese

Roberto Pugliese

Non ragiono né per suoni né per immagini, bensì vengo sedotto da “audio-visioni”, ovvero è come se nella mia mente i due linguaggi confluissero in uno; se penso ad una forma questa per me ha già un senso sonoro e viceversa.

Leggi l’intervista

Roberto Pugliese
Artista

Sabrina Mezzaqui

Sabrina Mezzaqui

Sono figlia di una generazione a cui l’essere donna non ha precluso alcuna strada e certamente dobbiamo tanto alla generazione che ci ha aperto questa strada. Rispetto ai valori che tu definisci femminili, secondo me sono stati demandati al femminile da una società patriarcale che li ha sviliti, ma sono in realtà valori che appartengono a uomini e donne ugualmente, valori umani.

Leggi l’intervista

Sabrina Mezzaqui
Artista

Cesare Berlingeri

Io, ogni volta che dipingo un’opera o che mi metto a costruire un mio lavoro, ho il bianco nel cervello: io ci arrivo come un bambino che non ha ancora imparato a scrivere e comincia tutto da capo, dalle asticine per arrivare ad un alfabeto compiuto. Ho sempre pensato che entrando con purezza nel tempio del mio lavoro può darsi che la preghiera abbia effetto.

Leggi l’intervista

Cesare Berlingeri
Artista

Vittorio Corsini

Il mondo è costituito da relazioni, il soggetto da solo non esiste, perché il sé si costruisce incontrando gli altri.

Leggi l’intervista

Vittorio Corsini
Artista

Ugo La Pietra

Ho sempre pensato che occorra operare nel tentativo di rompere le barriere tra interno e esterno, spazio privato e spazio pubblico, tra centro e periferia, tra globalizzazione e diversità, tra naturale e virtuale!

Leggi l’intervista

Ugo La Pietra
Artista, architetto, designer

Pino Pinelli

La pittura ti sbrana se non la domini, ed è difficile non cadere nel retorico o nell’eccesso. Compito dell’artista è quello di trasformare un materiale conosciuto in enigma.

Leggi l’intervista

Pino Pinelli
Artista

Carlo Bernardini

Il tempo è un’entità astratta ed anch’essa è soggetta alle variabili indotte nella nostra percezione

Leggi l’intervista

Carlo Bernardini
Artista

Antonio Barrese

Dopotutto, il mondo attende sempre di essere ripensato, immaginato e riprogettato dalle fondamenta, e questo è il compito degli artisti.

Leggi l’intervista

Antonio Barrese
Artista, designer

Yoko Ono

L’immaginazione è tutto! Prima bisogna immaginare delle cose e qualche volta l’immaginazione prende forma come desiderio. Quando desideriamo siamo anche in grado di riuscire a realizzare i nostri desideri.

Leggi l’intervista

Yoko Ono
Artista, musicista

Balint Bolygo

Penso che l’arte debba essere accessibile a tutti i livelli. L’arte di qualità dovrebbe avere molti livelli di esperienza, come la buccia di una cipolla. La percezione e l’interpretazione dovrebbero consistere in molti livelli che possono essere tutti accessibili sia se sei un critico d’arte o un bambino di 2 anni. Alcune persone sono felici sbucciando i primi strati, mentre altre sbucciano sempre di più per avere un’esperienza più profonda.

Leggi l’intervista

Balint Bolygo
Artista

Alessio de Girolamo

Cerco il senso della realtà in modo sincretico a volte partendo dall’immagine, altre dalla scienza, dall’esoterismo, dalla religione, facendole confluire in un ipersenso.

Leggi l’intervista

Alessio de Girolamo
Artista

Nari Ward

Siamo sospesi, ma senza necessariamente controllare chi ci tiene sospesi…è una condizione di controllo e vulnerabilità allo stesso tempo.

Leggi l’intervista

Nari Ward
Artista

Chiara Bettazzi

Un oggetto che si rompe produce un altro oggetto, gli errori producono un nuovo lavoro, la vita quotidiana mi porta ad una creazione che non stabilisco, semplicemente accade.

Leggi l’intervista

Chiara Bettazzi
Artista

Mauro Staccioli

La ricerca del senso dell’esistenza fa parte del lavoro dell’artista; dare senso alle cose che facciamo credo sia la cosa più importante dell’arte. Una società che riesce a dotarsi di artisti è una società felice. Sicuramente.

Leggi l’intervista

Mauro Staccioli
Artista

Cai Guo-Qiang

Quando realizzo un lavoro e penso che il risultato sia davvero grande, mi sorge il dubbio se sia stato proprio io a realizzarlo: solo in quel momento so di aver creato una grande opera.

Leggi l’intervista

Cai Guo-Qiang
Artista

Vincenzo Castella

Non ci sono storie da raccontare ma, forse, modelli di immaginare, e visioni da restituire

Leggi l’intervista

Vincenzo Castella
Artista

Most discussed