Le parole famose

Mauro Stefanini

È ovvio che non si possa prescindere dall’aspetto commerciale che evidentemente caratterizza la nostra professione, ma la produzione di cataloghi, la riscoperta di maestri storici o la proposta di giovani artisti ci permette di lasciare una traccia tangibile del nostro operato arricchendo, nel nostro piccolo, il patrimonio culturale della società in cui viviamo.

Leggi l’intervista

Mauro Stefanini
Gallerista, Art player

Kara Walker

In giro per l’Europa mi è sembrato che l’aspetto di disperazione che c’è nel mio lavoro non fosse evidente. Forse il mio è un discorso sul colonialismo che parla ad una sensibilità americana più che europea.

Leggi l’intervista

Kara Walker
Artista

Giuseppe Panza di Biumo

L’esperienza di conoscere e imparare a capire il lavoro di un’artista è una esperienza meravigliosa. E’ un nutrimento vitale, è scoprire un tesoro nascosto che alimenta la vita. Collezionare arte contemporanea è un esercizio intellettuale molto difficile e che si vive in una pressoché totale solitudine, il collezionista ha la responsabilità di comprendere e anticipare… 

Leggi l’intervista

Giuseppe Panza di Biumo
Collezionista, Art Player

Renata Boero

L’approccio Junghiano è stato determinate sia per canalizzare tutta quella bomba di energia che da giovane mi esplodeva dentro, sia per avvicinarmi al mondo dei simboli e al concetto di archetipo. Non a caso ho scelto di lavorare con materiali come le radici, la natura nascosta della vita.

Leggi l’intervista

Renata Boero
Artista

Sandro de Alexandris

La cancellazione, l’azzeramento facevano riferimento a quanto era stato fino a quel momento. Era la “tabula rasa” evocata dai dadaisti. L’idea di cancellazione si accompagna a quella di ricominciamento, nuovo inizio.

Leggi l’intervista

Sandro de Alexandris
Artista

Danilo Bucchi

I miei maestri sono stati tanti, vengo da studi accademici e tra i vari esercizi pittorici c’era il compito di copiare proprio gli artisti che ti ispiravano. Un percorso utile che aiuta a capire la propria strada arrivando ad una propria identità espressiva e ad un codice stilistico specifico.

Leggi l’intervista

Danilo Bucchi
Artista