20 artisti, 20 borghi, 20 regioni: Marina Nissim racconta “Una boccata d’arte”

Ora che lo spettro di nuove chiusure incombe minaccioso su una faticosa ripresa, diamo ancor più volentieri spazio a un’iniziativa nata per sostenere l’Arte Contemporanea e i giovani artisti in Italia in un momento così difficile.

‘Un’iniezione d’ottimismo’: è questo lo spirito di Una boccata d’arte, progetto promosso da Fondazione Elpis, creata nel 2020 dall’imprenditrice e collezionista d’arte contemporanea Marina Nissim in collaborazione con GALLERIA CONTINUA,  fondata nel 1990 da Mario Cristiani, Lorenzo Fiaschi e Maurizio Rigillo. 

Scopo di Una boccata d’arte è quello di coniugare arte contemporanea e patrimonio storico-artistico italiano, sostenendo in particolare il talento dei giovani artisti e incentivando un turismo di prossimità.   

Fra le molte mostre che nell’estate 2020 hanno portato arte nelle strade, nelle piazze o in mezzo alla natura, l’iniziativa è stata unica per estensione sul territorio nazionale: venti artisti hanno realizzato installazioni temporanee e site-specific in venti borghi, uno per ogni regione.

Inaugurata lo scorso 12 settembre, Una boccata d’arte e si è conclusa l’11 ottobre, ma alcune opere resteranno installate piu’ a lungo. Marina Nissim racconta il progetto, facendo un bilancio di questa ambiziosa mostra diffusa.

Marina Nissim

Una boccata d’arte si è conclusa l’ 11 ottobre, potrebbe fare un primo bilancio del progetto? Siete soddisfatti di questa edizione in termini di riscontro di pubblico?

Marina Nissim: Abbiamo messo in piedi questo progetto in un tempo record. Abbiamo sviluppato una prima idea  in pieno lock-down a fine aprile,  all’inizio di  maggio abbiamo cominciato a lavorarci sopra e a contattare i primi borghi,  alla fine di giugno  non avevamo ancora completato la selezione di tutti i borghi ed era  in corso la selezione degli artisti.

E’ stata una gran corsa, ma ce l’abbiamo fatta. Una boccata d’arte, mi pare di poter dire, ha raggiunto infine una sua compiutezza potente e originale e ha riscosso un grande successo di critica e anche di partecipazione. Per me è una gioia e una soddisfazione enorme, un risultato che mi ha dato molta motivazione e colpito nel profondo. Ho partecipato a diverse inaugurazioni e ho fatto visite in quasi tutti i borghi ricavandone vicinanza e calore, pur nel distanziamento fisico.

Una boccata d'arte. Marta Spagnoli: Felicia Munera, 2020 - serie di 6 elementi olio su tela, 190 × 140 cm e 190 × 130 cm. Campanile di Sant’Andrea, Via Borgo di Sotto, 01037, Ronciglione (VT)
Marta Spagnoli: Felicia Munera, 2020 – serie di 6 elementi olio su tela, 190 × 140 cm e 190 × 130 cm. Campanile di Sant’Andrea, Via Borgo di Sotto, 01037, Ronciglione (VT) | Courtesy l’artista, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Monkeys Videolab.

Molti dei progetti presentati coinvolgono il territorio affrontando storie e complessità locali, relazionandosi, ad esempio, con le attività produttive passate, con la memoria collettiva e la geografia dei luoghi. Come si è svolto il processo di selezione dei borghi e degli artisti?  C’è stato un coinvolgimento delle comunità locali nei processi decisionali?

Marina Nissim: Come è ormai noto, abbiamo coinvolto 20 bellissimi borghi italiani, uno per ogni regione e li abbiamo fatti incontrare con 20 artisti di arte contemporanea il cui compito, nel corso dei lunghi sopralluoghi, è stato quello di afferrare la peculiarità del luogo, approfondire la storia e la tradizione, la geografia e le eccellenze.

Da questo attento e laborioso approccio sono nati gli interventi site-specific, opere che dialogano con il luogo, lo rappresentano e lo omaggiano, tenendo conto della sua storia, della sua economia, delle sue eccellenze. 

Una boccata d'arte. Giovanni Ozzola: La prima radice, 2020 -  multistrato okumè, microcemento, stampa glicée, inchiostri shine, 560 × 410 cm. Casa parrocchiale, Piazza della chiesa, 07026, San Pantaleo (SS).
Giovanni Ozzola: La prima radice, 2020 – multistrato okumè, microcemento, stampa glicée, inchiostri shine, 560 × 410 cm. Casa parrocchiale, Piazza della chiesa, 07026, San Pantaleo (SS). | Courtesy l’artista, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Sara Deidda

All’inizio, con Galleria Continua, con cui da tempo intrattengo rapporti di profonda amicizia e stima, abbiamo contattato artisti che conoscevamo entrambi, alcuni dei quali avevano una collaborazione con la Galleria, e che sapevamo avrebbero accolto con entusiasmo l’idea di un progetto site-specific che li avrebbe chiamati a intervenire sul posto, creando opere inserite in quel contesto e in quella storia.

Abbiamo cominciato con una piccola base di 5-6 artisti, tra i più affermati della lista, e abbiamo poi avviato una ricerca mano a mano che si definivano i borghi, cercando di coinvolgere  artisti giovani e giovanissimi.  Abbiamo posto grande attenzione alle interazioni tra borgo e artista, cercando di avviare dialoghi preziosi per ciascuna delle parti.

Voglio poi sottolineare  che la scelta di artisti molto giovani è proprio  l’indirizzo della Fondazione Elpis e del mio desiderio di  sostenere giovani talenti. Quanto ai borghi, sono stati selezionati in base a quattro indicatori: bellezza paesaggistica e architettonica, piccole dimensioni, raggiungibilità e accoglienza.



Una boccata d'arte. Matteo Fato: Fiamma d’Amore Viva (il cielo e la terra non appartengono alla parola), a cura di Adele Cappelli, assunto di Gianni Garrera, Acquaviva Picena (AP) |
Matteo Fato: Fiamma d’Amore Viva (il cielo e la terra non appartengono alla parola), a cura di Adele Cappelli, assunto di Gianni Garrera, Acquaviva Picena (AP) |  Courtesy l’artista, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Michele Alberto Sere

Quale la loro risposta in termini di partecipazione e coinvolgimento nel progetto? 

Marina Nissim: Alcuni borghi hanno abbracciato il progetto senza riserve, riconoscendo subito la forza innovativa che la mostra, diffusa in tutta Italia, avrebbe potuto avere. Abbiamo trovato assessori e sindaci che davvero ci hanno accolto e affiancato, e hanno anche messo in moto quella rete locale di comunicazione e promozione che i comuni stessi e solo loro sono in grado di offrire. 

Altri sono stati meno solleciti, forse anche meno fiduciosi. Inoltre le elezioni regionali e comunali sono state a volte un ostacolo in più rispetto alla riuscita ottimale dell’iniziativa.

Una boccata d'arte: Antonello Ghezzi: I Am With You, I Have Always Been with You, Don’t Be Afraid, 2020 - performance e stampa digitale su tessuto nautico, aste porta bandiere e pennone, dimensioni ambientali. Installazione diffusa nel borgo Santo Stefano di Sessanio (AQ).
Antonello Ghezzi: I Am With You, I Have Always Been with You, Don’t Be Afraid, 2020 – performance e stampa digitale su tessuto nautico, aste porta bandiere e pennone, dimensioni ambientali. Installazione diffusa nel borgo Santo Stefano di Sessanio (AQ). |Courtesy gli artisti, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Andrea Fiordigiglio

Quali sono state le principali sfide e nella creazione di una mostra diffusa nelle 20 regioni, e come avete affrontato eventuali ostacoli? 

Marina Nissim: Intanto era già una grande sfida riuscire a coinvolgere tutte e 20 le regioni italiane con la scelta dei 20 rispettivi borghi, e ce l’abbiamo fatta. C’era poi da vedere se tutti gli artisti sarebbero stati in grado, con il poco tempo che hanno avuto, di ideare un intervento artistico di valore e produrlo in modo da arrivare tutti insieme alle inaugurazioni contemporanee nei borghi, nello stesso weekend del 12 e 13 settembre.

 E’ stato un lavoro complesso, realizzato in tempi proibitivi, e credo sia riuscito perché si è creata una squadra coesa e organizzata, dove ognuno ha fatto la sua parte.

Una boccata d'arte. Ornaghi & Prestinari: Eclisse, 2020 - marmo, 180 × 50 × 40 cm. Chiostro dell’ex Cinema Storico, Via Roma 77-75, 83019, Sant’Agata de’Goti (BN) |
Ornaghi & Prestinari: Eclisse, 2020 – marmo, 180 × 50 × 40 cm. Chiostro dell’ex Cinema Storico, Via Roma 77-75, 83019, Sant’Agata de’Goti (BN) | Courtesy gli artisti, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Danilo Donzelli

Ci sono stati progetti artistici che l’hanno particolarmente coinvolta? Ha qualche aneddoto che desidera condividere?

Marina Nissim: Nella mia vita ho partecipato a molti progetti artistici e citare qualcuno che mi ha particolarmente coinvolto mi riesce difficile. Potrei citare la Biennale dell’Avana del 2015: un’esplosione di libertà creativa diffusa su tutta la bellissima città che mi ha profondamente colpito: un momento artistico che potrei definire rivoluzionario in un’epoca  storica dove tutto poteva prendere un indirizzo nuovo e positivo. Poi purtroppo sappiamo che le cose sono andate diversamente e oggi a Cuba si respira di nuovo un’aria austera e chiusa.

Alcuni dei progetti di Una boccata d’arte continueranno oltre la data dell’11 ottobre? Se si, potrebbe indicarmi quali? 

Marina Nissim: Ci sono diversi esempi di prolungamento della mostra oltre il tempo che abbiamo concordato: dal 12 settembre all’11 ottobre 2020. Le bandierine tibetane di Sabrina Mezzaqui hanno continuato a sventolare a Pisticci, in Basilicata, con i loro pensieri sull’attenzione, la cura e la gentilezza e i loro messaggi poetici di benedizione, fino al 14 ottobre, quando sono state bruciate in un braciere alla presenza del poeta Franco Arminio che per l’occasione ha fatto una lettura pubblica di “La cura dello sguardo”.

Una boccata d'arte. Sabrina Mezzaqui: Toccacieloscolora, 2020 – serigrafia su tessuto, 20x20 cm cad., un migliaio di bandierine. Rione Terravecchia, Pisticci (MT)
Sabrina Mezzaqui: Toccacieloscolora, 2020 – serigrafia su tessuto, 20×20 cm cad., un migliaio di bandierine. Rione Terravecchia, Pisticci (MT) | Courtesy l’artista, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Rocco Grieco.

A Borgo Valbelluna, in Veneto, i cavalli di argilla dello straordinario artista mongolo Bekhbaatar Enkhtur continueranno a mostrarsi in una installazione diffusa fino a che le piogge non  li scioglieranno; ad Avise, in Valle d’Aosta, i le opere di Alice Visentin rimarranno in mostra fino al 22 ottobre; a Grizzana Morandi l’installazione “Cinque” di Massimo Uberti è prevista almeno fino al 18 ottobre, così come l’opera di Marinella Senatore a Volterra.

Una boccata d'arte. Bekhbaatar Enkhtur: Zuult, 2020 - argilla, dimensioni varie. Installazione diffusa nel territorio di Borgo Valbelluna (BL)
Bekhbaatar Enkhtur: Zuult, 2020 – argilla, dimensioni varie. Installazione diffusa nel territorio di Borgo Valbelluna (BL) |Courtesy l’artista, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Camilla Glorioso.

A Sutrio, bel borgo del Friuli Venezia Giulia, l’artista Sabrina Melis ha riscoperto la vita e l’evoluzione di un’intera comunità alla Scuola di Disegno Applicato alle Arti e Industrie e la sua ricerca continuerà fino al 29 novembre, giorno del finissage con presentazione di un libro che conclude il progetto. A Castellaro Lagusello, l’installazione sul selciato del borgo di Clarissa Baldassarri svanirà da sola col tempo.

A Cervo, in Liguria, le opere sottomarine di Elena Mazzi sono state tolte dal mare per proteggerle dalle mareggiate autunnali, e continueranno a essere visibili in una piazzetta del borgo. E a Presicce, in Puglia, le grandi mandibole della balena di Claudia Losi rimarranno permanentemente nel cortile del museo della civiltà contadina.

Una boccata d'arte. Elena Mazzi: SPICULE, 2020 - basalto, pietra dorata, peperino grigio, peperino rosso. Bastione a Mezzodi' Vittorio Desiglioli, vico al Bastione, 18010 Cervo (Im)
Elena Mazzi: SPICULE, 2020 – basalto, pietra dorata, peperino grigio, peperino rosso. Bastione a Mezzodi’ Vittorio Desiglioli, vico al Bastione, 18010 Cervo (Im) | Courtesy l’artista, Fondazione Elpis, Galleria Continua. Foto: Nuvola Ravero

E poi desidero ricordare gli altri progetti e artisti che hanno partecipato a questa edizione di esordio di Una boccata d’arte attraversando da nord a sud le piazze e i centri storici del nostro Paese: in Abruzzo il cielo stellato degli Antonello Ghezzi; in Calabria le colonne oniriche di Matteo Nasini; in Campania, Ornaghi & Prestinari e il loro monumento commemorativo; Marta Spagnoli che nel viterbese ha dipinto i suoi quadri con polvere di ferro; Matteo Fato e la sua Fiamma d’Amore Viva ad Acquaviva Picena ; Francesco Pozzato che in Molise ha dato voce ai vinti della storia; l’Oracolo di Paolo Brambilla  a Orta San Giulio; Claudia Losi e le sue monumentali mascelle di balenottera a Presicce, in Puglia; Giovanni Ozzola che ha portato il mare a San Pantaleo; Marta De Pascalis e Filippo Vogliazzo  che hanno invaso Ferla, in Sicilia, con la loro partitura per campane; Luca Pozzi a Mezzano, in Trentino, pronto a captare le energie dell’universo; Arcangelo Sassolino, in Umbria, con la sua galleria del vento; “Il comizio, la merenda, il canto” di Alice Visentin nel borgo di Avise per celebrare la tradizione dei canti e degli incontri. Insomma, una molteplicità di idee originali, di materiali, di specialità artistiche.

Una boccata d'arte. Marta De Pascalis e Filippo Vogliazzo: Glaring Sounds, 2020 - 2 lastre di acciaio, 2 telai di acciaio inossidabile, media player, amplificatore, 2 pre amplificatori, 4 audio exciter, 2 microfoni piezo, cavi, orecchie in resina e in gesso, partitura musicale, dimensioni variabili. Performance del 13 settembre 2020, Chiesa di S. Sebastiano, 96010, Ferla (SR), a cura di Threes Productions
Marta De Pascalis e Filippo Vogliazzo: Glaring Sounds, 2020 – 2 lastre di acciaio, 2 telai di acciaio inossidabile, media player, amplificatore, 2 pre amplificatori, 4 audio exciter, 2 microfoni piezo, cavi, orecchie in resina e in gesso, partitura musicale, dimensioni variabili. Performance del 13 settembre 2020, Chiesa di S. Sebastiano, 96010, Ferla (SR), a cura di Threes Productions | Courtesy gli artisti, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Salvo Alibrio

Com’ è stato finanziato Una boccata d’arte?

Marina Nissim: Da diversi anni mi impegno per promuovere e sostenere l’arte contemporanea, e soprattutto i giovani artisti di talento che spesso hanno poche occasioni di farsi conoscere e apprezzare. In precedenza avevo sostenuto altri progetti di mostre d’arte contemporanea come “Soy Cuba¿” e “Immersione Libera”, entrambe presentate a Milano nella Palazzina dei Bagni Misteriosi.

 Con la creazione di Fondazione Elpis ho voluto fare un passo ulteriore in questa direzione, consolidando le esperienze fatte e proponendo di nuove, volendo  allargare il range delle iniziative. 

Una boccata d’arte è stata interamente finanziata da fondazione Elpis.

Una boccata d'arte. Sabrina Melis: La sera, dalle 7 alle 9, 2020 - gommapiuma, acrilico su tela 2pz (70 × 100cm), video FullHD (colore, muto, durata 5’36”), stampa fine art 7 pz (21 × 29,7cm). Cjase dal Len, Viale Val Calda 2, 33020, Sutrio (UD)
Sabrina Melis: La sera, dalle 7 alle 9, 2020 – gommapiuma, acrilico su tela 2pz (70 × 100cm), video FullHD (colore, muto, durata 5’36”), stampa fine art 7 pz (21 × 29,7cm). Cjase dal Len, Viale Val Calda 2, 33020, Sutrio (UD) | Courtesy l’artista, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Federico Gallo

Pensa che siano ipotizzabili future partnership della Fondazione Elpis con il settore pubblico? Recentemente, il ministro Franceschini ha espresso nuovamente l’urgenza di valorizzare un grande patrimonio italiano, le migliaia di borghi disabitati da ripopolare e far tornare a vivere attraverso progetti di riqualificazione culturale capaci di attirare un turismo rispettoso e consapevole. Mi sembra ci sia sintonia con gli obiettivi di Una boccata d’arte, che leggo essere nata con lo scopo di portare “una scintilla di ripresa culturale, turistica ed economica basata sull’incontro tra l’arte contemporanea e la bellezza storico artistica di venti borghi italiani”.

Marina Nissim: Credo che per far rivivere borghi disabitati ci vogliano innanzitutto le strutture di base: servizi di trasporto e collegamento efficienti, digitalizzazione delle amministrazioni,  fibra ottica, inserimento dei borghi nei circuiti turistici, strutture di ricezione.

Se il settore pubblico riuscirà a colmare questi gap decennali, allora la cultura in generale e l ’arte contemporanea certamente potranno presentare progetti efficaci che possano concorrere alla rinascita di quei luoghi. Tuttavia, una fondazione privata come Fondazione Elpis non può sostituirsi allo Stato.

Quello che può fare è, dove le condizioni lo consentano, cercare di innescare un processo virtuoso, occasione di incontri, di riscoperta di borghi, itinerari e paesaggi meno noti, ma ugualmente magnifici, portando con sé il prezioso contributo dell’incontro tra arte e bellezza storica e paesaggistica.

Una boccata d'arte.  Matteo Nasini: Sparkling Matter, 2020 - sculture in ceramica, dimensioni variabili, performance audio, sleep concert 11 settembre 2020, a cura di Threes Productions. Sito archeologico di Soverato Vecchia, 88068, Soverato (CZ)
Matteo Nasini: Sparkling Matter, 2020 – sculture in ceramica, dimensioni variabili, performance audio, sleep concert 11 settembre 2020, a cura di Threes Productions. Sito archeologico di Soverato Vecchia, 88068, Soverato (CZ) | Courtesy l’artista, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Luce Catanzariti

Future edizioni di Una boccata d’arte , se sono previste, ricalcheranno il modello del 2020 per quanto riguarda la forte presenza di giovani artisti?

 Marina Nissim: Il successo e l’entusiasmo di  questa prima edizione di Una boccata d’arte mi stanno facendo riflettere seriamente sulla possibilità di continuare questa meravigliosa avventura, magari inserendola come appuntamento fisso annuale tra le manifestazioni italiane di arte contemporanea.

Situazione mondiale permettendo, saranno aperte al multiculturalismo?

Marina Nissim: Quanto al multiculturalismo, è un indirizzo e una volontà  ben precisa della Fondazione Elpis, a cui aggiungo una considerazione personale: l’arte nasce e si nutre di contaminazioni, ha bisogno di confrontarsi costantemente. Gli artisti contemporanei sviluppano linguaggi personali e le loro opere rispecchiano e dibattono le trasformazioni e i cambiamenti del nostro tempo. Le riflessioni che portano avanti con il loro lavoro ci stimolano a interrogarci e ci offrono strumenti per vedere l’invisibile. E questo non è un discorso univoco ma un insieme di satelliti e una polifonia di voci.

Una boccata d'arte. Luca Pozzi:  Dragon's Eggs, 2020 - scultura in bronzo, rivelatore di particelle INFN, Led Blu, tronchi di abete bianco, 600 × 40 × 40 cm
Luca Pozzi:  Dragon’s Eggs, 2020 – scultura in bronzo, rivelatore di particelle INFN, Led Blu, tronchi di abete bianco, 600 × 40 × 40 cm | Courtesy l’artista, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Valerio Pan

Leggo in una passata intervista che prima della pandemia aveva intenzione di portare in Italia giovani talenti emergenti nell’arte contemporanea asiatica. Da cosa nasce questo suo particolare interesse? (vedo che anche in questa edizione di Una boccata d’arte è presente un artista asiatico).

Marina Nissim: L’arte contemporanea è diffusa e viva in tutto il mondo. Il concetto di multiculturalismo, cui abbiamo accennato poco fa, ha per sua logica conseguenza  l’apertura verso tutti i mondi diversi dal nostro. Perciò l’arte asiatica, così come quella africana, sono estremamente stimolanti proprio perché le problematiche e i temi che affrontano sono peculiari di luoghi con forti tradizioni e sentimenti autoctoni.

Così come ho dato visibilità alla nuova arte cubana, poi a quella dei giovani talenti italiani, certamente i prossimi appuntamenti con l’arte saranno dedicati a paesi asiatici e africani. Del resto entrambi i continenti vantano artisti notissimi e di grande valore che molto possono fare anche per segnalarci giovani artisti emergenti di talento, un punto importante dell’attività della Fondazione, e del mio impegno personale.

Una boccata d'arte. Clarissa Baldassarri: Riflesso silenzioso di una sonora immagine, 2020
Clarissa Baldassarri: Riflesso silenzioso di una sonora immagine, 2020 – fonometro, proiezione, 4320 dati numerici trascritti su porfido, cromatura, 275 m × 0,20 m. Via Castello, 46040, Castellaro Lagusello, Monzambano (MN) | Courtesy l’artista, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Simona Frigo

Quali valori del Suo background d’imprenditrice alla guida di un grande gruppo multinazionale si traducono nell’impegno all’interno mondo dell’arte?

Marina Nissim: Al primo posto metterei la tenacia, intesa come la determinazione a continuare sulla via intrapresa con buona analisi e convinzione, senza dimenticare mai che l’arte è un patrimonio culturale per tutti e, come tale, va condivisa. Poi l’organizzazione, senza la quale ogni sforzo diventa velleitario, e per finire penso a mio padre e faccio tesoro di una frase che spesso gli ho sentito ripetere di fronte a una decisione da prendere in azienda: “ the sky is the limit”  e non ci si deve fermare!

Una boccata d'arte. Francesco Pozzato: spolia, 2020, elementi metallici, giunti metallici (bronzo, alluminio, ferro, acciaio) pvc, tessuto TNT, stampa 3d, stampa fotografica, dimensioni variabili. Area archeologica di Altilia-Saepinum, SP82, 86017 Sepino (CB)
Francesco Pozzato: spolia, 2020, elementi metallici, giunti metallici (bronzo, alluminio, ferro, acciaio) pvc, tessuto TNT, stampa 3d, stampa fotografica, dimensioni variabili. Area archeologica di Altilia-Saepinum, SP82, 86017 Sepino (CB) | Courtesy l’artista, Fondazione Elpis e GALLERIA CONTINUA. Foto: Alessandro Pace

La pandemia è stato uno spartiacque per il sistema dell’arte, con conseguenze a lungo termine, molte ancora da verificare. Quali cambiamenti auspica si possano verificare al di là di questo spartiacque?

Marina Nissim: Sappiamo tutti che le cose non saranno più quelle di prima, nemmeno quando la pandemia sarà finita e facciamo fatica a immaginare soluzioni. Si apre una prateria per nuove idee e realizzazioni digitali e partecipative. Le start up che davvero riusciranno a dare un contributo in questo senso saranno vincenti. Certo il ritorno di massa nei musei e nelle gallerie sarà possibile, ma ci saranno protocolli e livelli di attenzione per anni.

Le fiere, poi, che ho sempre lamentato che fossero tante, forse davvero troppe e spesso molto grandi e caotiche, consentivano  una immersione totale nel mondo artistico. Si incontravano i collezionisti, gli espositori, si  discuteva, ci si aggiornava. Che ne sarà di tutto ciò? App e collegamenti digitali con  spazi fisici completamente rivisitati possono aiutarci a riavvicinarci e a ridefinire nuove modalità di fruizione. Forse si ritornerà ad apprezzare dimensioni più umane e a riscoprire o addirittura scoprire  realtà storiche e contemporanee vicino a noi.

In futuro vorrei  dedicarmi prevalentemente a conoscere da vicino giovani artisti  sia vicini a noi che molto lontani. Forse sarò io ad andare da loro, ogni volta che ne avrò l’opportunità.  Sempre in sicurezza, ma senza rinunciare  all’incontro umano, alla conoscenza, alla visita degli atelier, degli studi, delle case private degli artisti nel loro contesto di vita.

Alessandra Alliata Nobili

Alessandra Alliata Nobili

Founder e Redazione | Milano
#donnenellarte #Iondra #sudestasiatico #cina #postfeminism #visualculture #videoart #artepartecipata #artepubblica #installazione #mediatechnology #arteambientale #arteambientata

Add comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.